Tappi a vite (stelvin) e vini di qualità

Dove si discute di enologia e altre questioni tecniche
Rispondi
Avatar utente
Gregorio Galli
Site Admin
Messaggi: 31
Iscritto il: ven apr 27, 2018 7:29 pm

Tappi a vite (stelvin) e vini di qualità

Messaggio da Gregorio Galli » gio giu 28, 2018 3:32 pm

Sulla questione della tappatura del vino si devono ancora trovare risposte a molti problemi tecnici e qualitativi legati al sughero naturale, nonché al modo in cui il mercato vede i sistemi di tappatura alternativi, in rapporto alla qualità dei vini. Parliamone!


****************************
Gregorio Galli

www.vininaturaliditoscana.com

Ettore
Messaggi: 2
Iscritto il: gio giu 28, 2018 6:14 pm

Re: Tappi a vite (stelvin) e vini di qualità

Messaggio da Ettore » gio giu 28, 2018 6:28 pm

Io ho sempre sostenuto che il tappo è una scelta tecnica, forse anche di marketing ma certamente non toglie o mette “classificazione” al vino. Mi sembra una fisima molto italiana e francese, direi per fortuna in fase calante. Come le etichette con stemmi nobiliari più o meno veri. Perchè si vende un vino? Nella GDO, che vende mi pare il 70% del vino in Italia, a mio parere per un packaging azzeccato e per il prezzo. Prezzo non tanto bassso in assoluto, anche se..., ma azzeccato. Per la tipologia, per la qualità comunicata. Nelle enoteche per i consigli dell’enotecaro ed anche per il packaging. Nei ristoranti dipende dalla carta dei vini e dal ristoratore. In nessun caso sulla base della tappatura, che il consumatore scopre solo aprendo la bottiglia, se lo fa lui. E poi deve capire le diverse tappature. Mi sembra in buona sostanza un argomento solo nostro e di pochi altri, come cosa c’è scritto sulla retroetichetta.

Avatar utente
Gregorio Galli
Site Admin
Messaggi: 31
Iscritto il: ven apr 27, 2018 7:29 pm

Re: Tappi a vite (stelvin) e vini di qualità

Messaggio da Gregorio Galli » dom dic 09, 2018 3:50 pm

Quello sui sistemi di tappatura è senza dubbio un argomento tecnico, che interessa noi vignaioli e pochi altri, un po' come questo forum. Sta di fatto che per noi è un argomento centrale, perché non è davvero accettabile, per nessun altro prodotto alimentare lo sarebbe, non essere tranquilli quando spediamo il nostro vino per il mondo a causa di un sistema di chiusura. Per quanto mi riguarda, col sughero non ho questa tranquillità e quindi i metodi di tappatura sono qualcosa su cui mantengo sempre una costante e vigile attenzione. Al momento sono approdato ai diam 10 e sono piuttosto soddisfatto e sereno, per i miei vini.
La questione della tappatura comunque interessa molti e se ne continuerà auspicabilmente a discutere anche in futuro. Una lettura sull'argomento: Prova a tappare lo stesso vino in 6 modi diversi: vedrai che sorprese!
****************************
Gregorio Galli

www.vininaturaliditoscana.com

Rispondi