Pagina 3 di 3

Re: Fattura elettronica per vignaioli e altri terrori: piccolo vademecum

Inviato: ven dic 21, 2018 10:13 am
da Gregorio Galli
Una piccola nota a margine riguardante il servizio di infocamere, per coloro che hanno optato per questo servizio istituzionale. Per ricevere avvisi email dell'arrivo di fatture è necessario andare ad impostazioni>notifiche ed inviare un ticket di assistenza per far inserire l'indirizzo. È un po' strano che non ci sia un semplice form per l'inserimento ma, dato che la nuova home page del servizio fatture elettroniche recita "Siamo in continua evoluzione" ci faranno sicuramente delle belle sorprese, in futuro...

Re: Fattura elettronica per vignaioli e altri terrori: piccolo vademecum

Inviato: gio dic 27, 2018 1:00 pm
da Gregorio Galli
Visto che siamo agli sgoccioli ovviamente stanno tutti correndo a rettificare e correggere, accorgendosi d'aver lavorato più o meno male o magari senza essersi consultati col garante della privacy per tempo, dovendo quindi inventarsi varie scappatoie.

Innanzitutto è importante leggere "Avviso per gli utenti - Obbligo Fattura elettronica" che appare al primo login da alcuni giorni nell'area fatture e corrispettivi dell'agenzia delle entrate e che, per comodità, vi riporterò nel post successivo, inerente la conservazione delle fatture elettroniche. Però la cosa importante è che entro la fine dell'italianissimo "periodo transitorio", cioè "entro la data del 3 maggio 2019" AdE pubblicherà un accordo di trattamento dei dati che andrà sottoscritto pena la cancellazione, in luglio, delle fatture conservate sul sito di AdE stessa. Sono pazzi questi romani. Comunque state in campana e approvatelo. In ogni caso altri e alternativi servizi di conservazione conserveranno comunque, ma il mio consiglio è mantenere operativo anche quello di AdE, per motivi spiegati in precedenza e che ora non ripeterò.

Vi segnalo poi che anche infocamere richiede una nuova e rinnovata adesione al servizio, anche da parte di coloro che l'avevano già attivato. I delegati, che possono normalmente operare in pieno, non possono in questo caso sottoscrivere, quindi si deve accedere con le credenziali del rappresentante legale.
Niente di particolare, non vi preoccupate: anche qui un sussulto riguardante la normativa per la privacy che, come sappiamo, protegge i malvagi e colpisce i giusti.

Avviso per gli utenti - Obbligo Fattura elettronica

Inviato: gio dic 27, 2018 1:01 pm
da Gregorio Galli
Avviso per gli utenti - Obbligo Fattura elettronica

Gentile Utente,
a partire dal 1° gennaio 2019 è previsto l’obbligo di emettere la fattura elettronica a seguito di cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti o stabiliti in Italia.
Questo obbligo è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2018 ed è previsto sia nel caso in cui la cessione del bene o la prestazione di servizio sia effettuata tra due operatori Iva (operazioni B2B), sia nel caso in cui la cessione/prestazione sia effettuata da un operatore Iva verso un consumatore finale (operazioni B2C).
La trasmissione e la ricezione delle fatture elettroniche avviene attraverso il Sistema di Interscambio (SDI), gestito dall'Agenzia delle entrate.
Nel periodo transitorio, che decorre dal 1 gennaio 2019 fino al 3 maggio 2019, l’Agenzia delle Entrate procederà alla temporanea memorizzazione delle fatture elettroniche che la interessano in qualità di cedente/prestatore o cessionario/committente, in conformità alle indicazioni ricevute dal Garante per la protezione dei dati personali, esclusivamente al fine di realizzare le seguenti funzionalità:
* 1. acquisizione di alcuni dati di natura fiscale contenuti nelle fatture elettroniche, definiti principalmente nell’articolo 21 del D.P.R. n. 633 del 26 ottobre 1972, ad esclusione dei dati di cui al comma 2, lettera g) relativi alla natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell’operazione (i c.d. dati fattura di cui al Provvedimento del 21/12/2018), che saranno estrapolati e raccolti dall’Agenzia delle Entrate in una banca dati separata e verranno trattati dall’Agenzia per le attività istituzionali di assistenza e di controllo automatizzato mediante l’incrocio dei dati di natura fiscale presenti nelle fatture con quelli presenti nelle banche dati dell’Agenzia delle Entrate;
* 2. realizzazione di un servizio facoltativo attraverso il quale avrà la possibilità di consultare o scaricare i file XML delle fatture emesse e ricevute attraverso SDI nella sua area riservata del sito web dell’Agenzia delle Entrate. Tale servizio sarà subordinato all’adesione a uno specifico Accordo di servizio che verrà pubblicato nella medesima area riservata entro la data del 3 maggio 2019. In tale contesto, l’Agenzia delle Entrate assumerà il ruolo di responsabile del trattamento, archiviando le fatture, in nome e per conto suo, in una banca dati dedicata. A partire dalla data di disponibilità del nuovo servizio facoltativo, lei potrà manifestare la volontà di aderire all’Accordo del servizio di consultazione e scarico del file XML della fattura elettronica, comprese le fatture memorizzate nel periodo transitorio. Se Lei è titolare di partita IVA potrà aderire anche attraverso intermediari delegati.
In caso di mancata adesione all’Accordo di cui sopra nei tempi previsti, l’Agenzia procederà alla cancellazione delle fatture elettroniche memorizzate durante il periodo transitorio entro il 2 luglio 2019 e i soli dati fattura verranno mantenuti per le previste attività istituzionali di assistenza e di controllo automatizzato, fino a che non saranno decorsi i termini per gli eventuali accertamenti - vale a dire entro il 31 dicembre dell'ottavo anno successivo a quello di presentazione della dichiarazione di riferimento - ovvero definiti gli eventuali giudizi.
In caso di adesione al Servizio di almeno una delle parti del rapporto economico, l’Agenzia memorizzerà comunque la fattura nella sua interezza, rendendola disponibile per la consultazione e lo scarico solo a chi abbia aderito al Servizio.
Resta fermo l’eventuale Servizio di conservazione da lei fruito in base al relativo Accordo di servizio stipulato con l’Agenzia.

Re: Fattura elettronica per vignaioli e altri terrori: piccolo vademecum

Inviato: sab dic 29, 2018 1:05 pm
da IFabbri
Buongiorno, caro Gregorio ho seguito le Tue indicazioni e sono ora dotata di Spid (delle poste)ed ho potuto inserire la mia pec sul sito ADE. Il primo passo fondamentale è stato possibile senza troppi intoppi.
Grazie Greg, senza il Tuo aiuto non ne sarei stata capace, ed ai negati come me dico : se pò fà!
Auguri a tutti!
Susanna

Re: Fattura elettronica per vignaioli e altri terrori: piccolo vademecum

Inviato: mer gen 02, 2019 6:20 pm
da Ettore
Un suggerimento è due domande. Anzi tre domande.
C’è modo di fare una ricerca fra i diversi post in modo da vedere se l’argomento/domanda è già stato trattato?
Veniamo a noi...
Come si fa per le fatture a un soggetto estero?
Come si possono gestire i corrispettivi?

Re: Fattura elettronica per vignaioli e altri terrori: piccolo vademecum

Inviato: mer gen 02, 2019 6:55 pm
da Gregorio Galli
Ciao Ettore, la ricerca nel thread si può fare usando il campo che sta all'inizio della pagina, tra il titolo e il primo post (non quello in alto a destra).

La questione del cliente estero al momento la si risolve emettendo la fattura xml e inviandola al sdi usando il codice destinatario XXXXXXX. Al soggetto estero verrà quindi poi mandata la copia di cortesia in pdf (perché dell'xml non se ne fa niente), sempre che se ne faccia qualcosa.

Sui corrispettivi abbiamo iniziato una parallela discussione qui: Scontrino telematico: addio cartacce. Per ora solo con scontrino elettronico, ma si prevede che presto avremo anche la ricevuta elettronica. Quindi ci si può emancipare fin d'ora dal registro dei corrispettivi, così come ci siamo liberati di liquidazioni e denunce iva.